Formazione, Lombardo: si taglino i corsi inutili

Il presidente della Regione: settore da riformare all'insegna dell'efficienza della spesa e dell'efficacia dei risultati

PALERMO. "I controlli della Corte dei conti in merito ai piani e progetti di formazione sono preziosi oltre che doverosi. Terremo certamente in conto quanto è stato rilevato. I nostri uffici sono già a lavoro e stanno riesaminando le proposte affinché si disegnino piani e opportunità formative concretamente rispondenti ai fabbisogni del mercato del lavoro". Lo scrive il presidente della Regione raffaele Lombardo nel suo blog.   
"E' giusto evidenziare però - aggiunge - che quanto rilevato non è stato determinato nel corso della gestione Centorrino. Per quanto riguarda il sistema della formazione professionale, verso il quale non ho mai fatto venire meno la mia fiducia e presenza, confermo che bisogna riformarlo all'insegna dell'efficienza della spesa e dell'efficacia dei risultati formativi eliminando corsi inutili e attività chiaramente improduttive". "Soltanto così sarà possibile tutelare sia i lavoratori del settore, per i quali sono inqualificabili i ritardi e le incertezze per la corresponsione degli stipendi, - spiega -  sia soprattutto i destinatari finali di questi interventi per i quali è fondamentale accedere a percorsi formativi che favoriscano concretamente il loro inserimento nel mondo del lavoro". "Già dalla prossima settimana - conclude - sono disponibile ad incontrare gli operatori della formazione per trovare soluzioni condivise utili a modificare lo stato delle cose e rilanciare tutto il comparto".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati