Sicilia, Cultura

Luci di poesia su Palermo

La notte del 7 luglio alle 21.30 la chiesa di Santa Maria della Catena, sarà illuminata da una tempesta luminosa di parole poetiche dall'artista Marco Nereo Rotelli. Il musicista Francesco D'Errico accompagnerà tutto l'evento al piano ispirato da suoni e sussurri della cultura mediterranea

PALERMO. La notte del 7 luglio alle 21.30 la chiesa di Santa Maria della Catena, a piazzetta delle Dogane, a Palermo, sarà illuminata da una tempesta luminosa di parole poetiche dall'artista Marco Nereo Rotelli.
Veneto ma da sempre legato affettivamente alla Sicilia, nome importante del panorama contemporaneo, Rotelli è artista sensibile e raffinato che lavora sulla parola come segno condiviso, lampo di luce, monito contemporanea alla vita e alla bellezza.
Utilizza i versi poetici come veicolo, come espressione  universale, e in questo caso, anche come manifesto che rinnova l'attenzione sulla immota forza culturale legata al Mare Mediterraneo.
Il suo messaggio è affidato alle parole di Adonis, Muriel Augry-Merlino, Tahar Ben Jelloun, Yves Bonnefoy, Giuseppe Conte, Maurizio Cucchi, Emmanuele Emanuele, Ibrahim Mohammad Ibrahim, Vénus Khoury-Ghata, Lucrezia Lerro, Roberto Mussapi, Ilir Paja, Amancio Prada, Mohammed Sabbagh, Nasos Vaghenàs, Emilio Zucchi.
Il fronte e la facciata verso il mare della fabbrica di Matteo Carnilivari, saranno simbolicamente inondati da una luce azzurra "color zaffiro d’Oriente" con i versi che hanno incarnato il senso di appartenenza ma anche di nostalgia e disorientamento per la cultura mediterranea pensata nel suo “insieme”.
Un'antologia unica ed eterea, un commento suggestivo all'idea forte dell'incontro e del confronto fra culture e religioni differenti. Dove lo spazio urbano e architettonico diventano per Rotelli luogo della mente e dello spirito. Medium attraverso cui stratificazioni di segni, concetti e tensioni spirituali hanno il loro esatto centro.
Il musicista Francesco D'Errico accompagnerà tutto l'evento al piano ispirato da suoni e sussurri della cultura mediterranea.
In una nota all'evento si precisa: "Mediterraneo in luce ci comunica che ogni luogo del mondo è un centro possibile, perché “centro” è, ovunque si condensa la forza e la volontà di comprensione, per dirlo con le prole di Kant, "verso una pace universale": un'installazione singolare con una singolare forma artistica, risultato della sommatoria di tanti saperi differenti."
Marco Nereo Rotelli è autore di grandi installazioni luminose nelle più grandi capitali del mondo: memorabili le sue opere Lux al Petit Palais di Parigi nel 2001, La vida es sentimiento a Santiago del Compostela nel 2009 o l'installazione permanente al Living Theatre di New York nel 2007.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati