Silvestre parte, Lopez in bilico

Lo Monaco: "Sarà un mercato avaro di soldi e prima di acquistare, dobbiamo vendere"

Sicilia, Qui Catania

CATANIA. Il Catania non ha fretta. A quattro giorni dal raduno il mercato degli etnei deve ancora decollare. La dirigenza, però, non ha alcuna intenzione di forzare i tempi. Il motivo è semplice e lo ha esposto più volte l'amministratore delegato Pietro Lo Monaco: "Sarà un mercato avaro di soldi e prima di acquistare, dobbiamo vendere".
Ma il club del presidente Pulvirenti cederà i propri prezzi pregiati soltanto alle cifre stabilite ed è quindi disposto ad aprire trattative su più tavoli. Il discorso vale in primo luogo per Matias Silvestre, seguito da numerose società sia all'estero che in Italia (si parla di Inter, Genoa, Roma, Lazio, Napoli e da ieri anche della Juventus), e per Maxi Lopez, ma per quest'ultimo non sono arrivate proposte ritenute adeguate. In uscita potrebbe esserci anche il portiere Mariano Andujar, nelle mire del Boca Juniors.
Suoi possibili sostituti gli argentini Augustin Marchesin del Lanus e Adrian Gabbarini dell'Independiente. In entrata, risolta a proprio favore la comproprietà con l'Empoli per Lodi e rientrati dai prestiti Moretti e Catellani, la priorità è trovare un sostituto di Silvestre. L'obiettivo principale è Leonel Galeano, difensore centrale dell'Independiente.
Il Catania si radunerà il 7 luglio in sede. Ritiro dall'11 luglio sull'Etna, nel nuovo impianto sportivo di Torre del Grifo, a Mascalucia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati