Storia della Sicilia: la Regione acquisisce i filmati degli archivi Rai

Si tratta di un'operazione culturale e di recupero della memoria attraverso centinaia di ore di pellicola, riversate sui più moderni formati tecnologici, che adesso saranno accessibili grazie ad un portale internet che la tv di Stato sta realizzando in collaborazione con l'assessorato al Turismo

PALERMO. C'é la storia recente della Sicilia negli archivi della Rai che la Regione ha acquisito al suo patrimonio. Una operazione culturale e di recupero della memoria attraverso centinaia di ore di filmati, riversate sui più moderni formati tecnologici, che adesso saranno accessibili grazie ad un portale internet che la tv di Stato sta realizzando in collaborazione con l'assessorato al Turismo. Si è cominciato a lavorare sul materiale prodotto dal 1979 al 1993. "Si tratta di circa mille documenti - spiega al Tgweb (www.regione.sicilia.it/tgweb) il direttore della sede Rai di Palermo, Salvatore Cusimano - con una durata media che oscilla tra i 30 e i 50 minuti, quindi una mole imponente di materiale audio video. E' il passo conclusivo di un progetto nato con la realizzazione di un libro sulla storia della Rai in Sicilia. Stiamo già lavorando ad altre iniziative con l'intento di riportare all'interno dell'azienda nuovi processi produttivi". L'archivio caricato sul web sarà, inoltre, trasferito nella sede regionale del Centro sperimentale di cinematografia per essere messo a disposizione degli allievi e delle attività culturali della scuola. "Questa operazione - sottolinea Marco Salerno, dirigente generale dl dipartimento Turismo - potrà consentire a tutti di godere esteticamente non solo di quanto è stato realizzato da grandi maestri del cinema siciliano ma, anche, di conoscere e leggere la storia dell'isola attraverso commentatori del tempo estremamente illuminati". Questa settimana, il magazine realizzato dall'Ufficio stampa della Regione siciliana si occupa anche del piano per l'innovazione tecnologica concepito per rendere l'amministrazione regionale più efficiente e trasparente. Spazio, poi, all'accordo sottoscritto tra Regione e Chiesa per la tutela e il recupero dei beni che appartengono al patrimonio ecclesiastico e all'edizione 2011 del "Circuito del Mito", che propone grandi nomi: da Joe Cocker a Lou Reed, da Burt Bacharach a Franco Battiato.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati