Palermo, caso Gesip: fumata nera in consiglio comunale

Non è stata approvata per mancanza del numero legale la delibera che avrebbe consentito di recuperare circa sette milioni di euro provenienti dalla lotta all'evasione della Tarsu. Protesta dei lavoratori

PALERMO. Ancora una fumata nera per la vertenza Gesip in consiglio comunale a Palermo che non ha approvato, per mancanza del numero legale, la delibera che avrebbe consentito di recuperare circa sette milioni di euro provenienti dalla lotta all'evasione della Tarsu.
I fondi sarebbero stati destinati a pagare l'anticipazione di 5 milioni che la Regione, attraverso un'ordinanza della protezione civile, aveva anticipato al comune per pagare gli stipendi dei circa 1.800 lavoratori della Gesip, fino al 16 luglio. E' però stata prorogata dal consiglio dei ministri al 31 luglio l'approvazione dei bilanci comunali. La delibera sarà ripresentata nei prossimi giorni.
Dopo la seduta, una trentina di operai della Gesip ha protestato a davanti palazzo delle Aquile. La Gesip, è una società creata dal Comune di Palermo e da Italia Lavoro SpA, l'agenzia del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per lo sviluppo dei servizi a favore dell'occupazione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati