"Migranti a Lampedusa? Rimborseremo i turisti"

La provocazione degli albergatori dell'Isola dopo il sondaggio Confesercenti secondo il quale il 29% degli italiani non andrebbe manco gratis alle Pelagie

PALERMO. Preoccupati e anche un po' irritati per il sondaggio Confesercenti-Swg, secondo il quale il 29% degli italiani non andrebbe a Lampedusa neanche gratis, gli albergatori dell'isola rilanciano: "Siamo disposti a rimborsare i turisti se incontrano per strada un solo migrante", dice Antonino Martello, che presiede il consorzio albergatori.   
"La situazione - spiega - è persino migliore rispetto agli scorsi anni: adesso, infatti, c'é sempre una nave presente in rada, pronta a salpare con gli extracomunitari poche ore dopo il loro arrivo. L'emergenza dei mesi scorsi è del tutto rientrata e bisogna dare atto al governo di aver messo a punto un sistema che funziona perfettamente".   
I dati, però, parlano di un calo del 90% nelle prenotazioni a giugno, rispetto allo stesso mese dello scorso anno; mentre per luglio la diminuzione è dell'80%. "Non c'é alcuna ragione di avere paura - insiste Martello - e questo la stampa dovrebbe evidenziarlo".    
Dello stesso parere è la senatrice della Lega Nord Angela Maraventano, vicesindaco di Lampedusa: "La situazione - afferma - è tranquilla. Mi chiedo quali criteri siano stati utilizzati per effettuare questo sondaggio. Ho il sospetto - conclude - che le agenzie di viaggio, non si capisce sulla base di quali notizie, sconsigliano i loro clienti dal recarsi a Lampedusa. L'isola, dopo i sacrifici affrontati negli scorsi mesi, non merita questo trattamento".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati