Incendia bar figlio per simulare attentato, arrestata nel Catanese

SANT'AGATA LI BATTIATI. Una donna di 57 anni, probabilmente per frodare l'assicurazione e simulare di essere stata vittima di un attentato incendiario, la notte scorsa avrebbe appiccato un incendio all'interno del bar-pizzeria del figlio, a Sant'Agata li Battiati, in provincia di Catania, rimanendo ustionata. Per questo motivo è stata arrestata dai carabinieri per incendio aggravato e simulazione di reato. La donna è stata soccorsa e trasportata nell'Ospedale Garibaldi di Catania, dove i medici le hanno riscontrato ustioni di 2° e 3° grado in varie parti del corpo. Ora si trova sotto osservazione e non è un pericolo di vita.
I carabinieri, giunti immediatamente sul posto, hanno acquisito elementi utili circa le inequivocabili responsabilità della donna circa l'incendio, che ha distrutto le suppellettili  dentro il locale e che è stato domato dai Vigili del Fuoco. Nel bar i militari hanno trovato sei taniche di plastica contenenti liquido infiammabile, una scatola di fiammiferi e un paio di guanti in lattice. Il locale ed il materiale trovato sono stati posti sotto sequestro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati