Tornano in carcere i fiancheggiatori di Provenzano

La V Sezione Penale della Cassazione, infatti, ha rigettato i ricorsi degli imputati e confermato la condanna inflitta dalla Corte di Appello di Palermo il 2 luglio 2009. Gioacchino Badagliacca, Giampiero Pitarresi, Vincenzo Paparopoli e Vincenzo Alfano erano infatti stati accusati di aver aiutato il boss durante la latitanza ma erano tornati in libertà

PALERMO. Devono tornare in carcere i quattro 'fiancheggiatori' del boss Bernardo Provenzano scarcerati qualche settimana fa per decorrenza dei termini di custodia cautelare. La V Sezione Penale della Cassazione, infatti, ha rigettato i ricorsi degli imputati e confermato la condanna inflitta dalla Corte di Appello di Palermo il 2 luglio 2009.   


Gioacchino Badagliacca, Giampiero Pitarresi, Vincenzo Paparopoli e Vincenzo Alfano erano infatti stati accusati di aver aiutato il boss Provenzano durante la latitanza. Oggi la Cassazione ha quindi confermato i sette anni e mezzo di reclusione per Badagliacca e Pitarresi, sei anni e otto mesi per Paparopoli e Alfano. Lo stesso pg Fausto De Santis questa mattina aveva chiesto il rigetto del ricorso degli imputati in udienza.    Avevano presentato ricorso contro la stessa sentenza anche Francesco Caponnetto e Giuseppe Di Noto per i quali la Cassazione ha confermato comunque le condanne rispettivamente a nove anni di carcere e a due anni.     La Suprema Corte inoltre ha condannato i ricorrenti alla refusione delle spese alle parti civili. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati