Ballottaggi in Sicilia, il Pid: "Vittoria delle ammucchiate"

Il coordinatore siciliano Nino Dina dopo il voto: "Vero che la maggioranza dei sindaci è dell'area del centrosinistra ma sono prevalsi interessi di bottega"

PALERMO.  "Non ha vinto il centrosinistra ma il metodo delle grandi ammucchiate, anche se diamo atto che la maggioranza dei sindaci eletti appartiene a quell'area. La verità è che si sta dando un valore politico a elezioni amministrative in cui sono prevalsi interessi di bottega. A meno che il Terzo polo non dica in maniera chiara che sta col Pd, allora sì che saremmo di fronte a un fatto politico nella prospettiva di politiche e regionali". Così il coordinatore del Pid in Sicilia, Nino Dina, analizza il voto amministrativo dopo i ballottaggi.    
Rispetto al risultato di Bagheria, "roccaforte" del ministro Saverio Romano (Pid) dove è stato eletto sindaco il candidato dall'Udc Vincenzo Lo Meo (sostenuto anche dal Pd), Dina afferma: "A Bagheria il Pid è il primo partito e siamo cresciuti rispetto al passato, se poi è stato eletto il sindaco dell'Udc questo è dovuto a quel metodo delle ammucchiate che non può dare un valore politico a questo mini-test elettorale; chi dice che è crollata una roccaforte del Pid, dice una sciocchezza". 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati