Ballottaggi, 265 mila al voto in 11 comuni siciliani

Elettori di nuovo alle urne per eleggere i sindaci di Canicattì, Favara, Ramacca, Capo d'Orlando, Patti, Bagheria, Terrasini, Vittoria, Lentini, Noto e Campobello di Mazara

CATANIA. Sono 265mila i siciliani coinvolti nel turno di ballottaggio per eleggere i sindaci in 11 Comuni dell'Isola. Tornano alle urne gli abitanti di Canicattì e Favara, in provincia di Agrigento; Ramacca nel Catanese; Capo d'Orlando e Patti, in provincia di Messina; Bagheria e Terrasini nel Palermitano; Vittoria in provincia di Ragusa; Lentini e Noto nel Siracusano; e Campobello di Mazara, nel Trapanese. Gli elettori sono divisi in 313 sezioni.
A Canicattì si sfideranno l'uscente Vincenzo Corbo,  che al primo turno ha ottenuto 5.017 voti pari al 23,05 per cento e Gaetano Canì che era sostenuto da 6 liste (Fli, Canicattì città nuova, I meridionali per Canicattì, Canicattì futuro, Udc e Sicilia vera) con 4.489 voti pari al 20,62 per cento. Ad appoggiare Cani, in questo turno, anche la lista del Pd.
A Favara si confronteranno, invece, Rosario Manganella, appoggiato da 6 liste (Favara futura, Forza del Sud, Mpa, Pid, Per Favara e Pdl) con 10.558 voti pari al 46,03 per cento e Carmelo Vitello (Fli e Ripensare Favara) con 8.566 consensi pari al 37,35 per cento.
A Ramacca lo scontro sarà tra Giampiero Musumeci, appoggiato da 3 liste (Movimento ama Ramacca, Mpa e Uniti per Ramacca), che ha ottenuto 2.132 voti, pari al 29,81 per cento e Francesco Zappalà del Pd, con 1.839 voti, pari al 25,71 per cento.
A Capo d'Orlando si sfideranno l'uscente Enzo Sindoni, appoggiato da 5 liste (Città futura, Movimento per Capo d'Orlando, Lista orlandina, Sicilia vera e Capo d'Orlando venti venti), che ottenuto 4.521 voti pari al 47,87 per cento e Salvatore Librizzi (Democratici per Capo d'Orlando e Librizzi sindaco) con 2.318 voti pari al 24,55 per cento.
A Patti si confronteranno Luigi Gullo, sostenuto da 8 liste (Sicilia vera, Idea donna, Udc, Il centro per Patti, Patti democratica-Pd, Patti futura, Luigi Gullo sindaco x Patti e Costruire insieme), che ha ottenuto 3.363 voti pari al 35,97 per cento e Giuseppe Mauro Aquino, appoggiato da 5 liste (Noi per Patti, Pdl, Patti nel cuore, Per Patti Aquino sindaco-Noi Sud-Libertà autonomia, e 365 giorni di lavoro per Patti), con 2.971 voti, pari al 31,77 per cento. Ad appoggiare Aquino, in questo turno, anche la lista civica Progetto Patti.
A Bagheria si sfideranno Vincenzo Giuseppe Lo Meo, sostenuto da 5 liste (Udc, Fli, L'altra Bagheria, Un progetto per Bagheria-Con le autonomie e Democratici per Bagheria) che ha ottenuto 10.698 voti pari al 32,58 per cento e Bartolo Di Salvo (Forza del Sud, Pid, Bagheria nel cuore e Pdl) con 10.227 voti pari al 31,15 per cento. Ad appoggiare Lo Meo, in questo turno, anche la lista civica Unione democratica, mentre a sostenere Di Salvo ci sarà anche la lista Bagheria popolare.
A Terrasini si confronteranno Giuseppe Calogero Cammilleri sostenuto da 5 liste (Pid, Intesa per Terrasini, Terrasini democratica, Autonomia e progresso e Popolo liberale terrasinese) che ha ottenuto 2.109 voti pari al 28,37 per cento e Massimo Cucinella (Per Terrasini futura e Per Terrasini domani) con 1.958 voti pari al 26,34 per cento. Ad appoggiare Cammilleri, in questo turno, anche le liste del Fli e la civica Il buon governo.
A Vittoria si confronteranno l'uscente Giuseppe Nicosia sostenuto da 9 liste (Pd, I democratici, Progetto Vittoria, Polo civico città nuova Vittoria, Idv, Giovani democratici, Movimento-Insieme per la Sicilia, Incontriamoci e Insieme) che ha ottenuto 12.006 voti pari al 37,03 per cento e Carmelo Incardona (Una bella vittoria, Pdl, Vittoria che cambia-Pid, Alleanza per Vittoria e Scoglitti, Un nuovo inizio e Forza del Sud) con 8.764 voti pari al 27,03 per cento. Ad appoggiare Nicosia, in questo turno, anche le liste Udc e Sel, mentre Incardona sarà sostenuto anche dalle civiche Insieme per il cambiamento-Vittoria futura, Agricoltura primaditutto e Aiello sindaco.
A Lentini lo scontro è tra Nello Neri, sostenuto da 5 liste (Pid, Forza del Sud, Forza Lentini, Pdl e Rinascita leontina) con 5.573 voti, pari al 37,59 per cento e l'uscente Alfio Mangiameli, appoggiato da 3 liste (Lentini con Alfio sindaco, Pd e Federazione della sinistra-Rifondazione comunisti italiani), con 3.741 voti, pari al 25,23 per cento. Ad appoggiare Mangiameli, in questo turno, anche le liste Mpa, Fli, Udc e la civica Popolari per Lentini.
A Noto si sfideranno Corrado Bonfanti sostenuto da 5 liste (Impegno per Noto, Mpa, Udc-Uniti per la città, Notolibera-Democrazia e partecipazione e Fli) che ha ottenuto 4.775 voti pari al 33,24 per cento e Raffaele Leone (Pdl, Noto nostra e Pid) con 4.338 voti, pari al 30,19 per cento. Ad appoggiare Bonfanti, in questo turno, anche la lista Pd e Rinnovamento per Noto, mentre Leone sarà sostenuto anche da Forza del Sud.
A Campobello di Mazara lo scontro è tra l'uscente Ciro Caravà, sostenuto da 3 liste (Mpa, Lista civica democrazia e libertà e Pd) che ha ottenuto 3.031 voti, pari al 37,51 per cento e Daniele Vito Mangiaracina, appoggiato da 2 liste (Alleanza per la Sicilia e Sicilia vera) con 1.465 voti, pari al 18,13 per cento Ad appoggiare ufficialmente Mangiaracina, in questo turno, anche le liste Forza del Sud e le civiche Gruppo sud - Nuovo Secolo e Popolari liberali nel Pdl movimento Campobello di Mazara.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati