Crollo palazzo ad Agrigento, il parroco protesta con i cittadini

AGRIGENTO. Una trentina persone, con in testa il parroco della chiesa della Cattedrale monsignor Salvatore Russotto che spingeva una carriola, hanno sfilato dall'oratorio San Gerlando fino al largo San Vincenzo, vicino le macerie di palazzo Lo Jacono-Maraventano, ad Agrigento. Il rione é isolato dallo scorso 25 aprile dopo il crollo del palazzo secentesco. Contrariamente a quanto annunciato nei giorni scorsi, nessuno ha rimosso i detriti per liberare il quartiere di Santa Maria dei Greci. "Sappiamo che c'é un'inchiesta penale in corso e non vogliamo rischiare di incorrere in denunce - ha detto Carmelo Terrasi, uno dei componenti del comitato di quartiere San Gerlando - Ma ribadiamo l'incapacità dell'amministrazione comunale a gestire l'emergenza. Devono dimettersi". Durante la manifestazione dei cittadini, il personale di un'associazione ha presidiato le macerie. "Ogni sabato - annuncia il comitato di quartiere - protesteremo pacificamente in questo modo, fino a quando le macerie non verranno rimosse".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati