Rigettata la richiesta di scarcerazione per Minardo

Il gip di Modica ha respinto l'istanza presentata dai legali del deputato regionale dell'Mpa, accusato di associazione a delinquere finalizzata alle truffe aggravate ai danni della Comunità europea, dello Stato e di altri enti pubblici, di malversazione, evasione fiscale e riciclaggio

Sicilia, Cronaca

MODICA. II gip di Modica Patricia Di Marco ha respinto l'istanza di revoca degli arresti domiciliari presentata dai legali del deputato regionale del Mpa Riccardo Minardo e della moglie Giuseppa Zocco.   Secondo il giudice a carico dei due permarrebbero le esigenze cautelari vista la "professionalità dimostrata nella commissione dei delitti e nell'organizzazione di più attività criminali".  Per il gip, infine, entrambi avrebbero mostrato "assoluto disinteresse e spregio per la cosa pubblica utilizzata per scopi personali".   I due sono accusati insieme alla presidente del Consorzo dell'area Iblea, Rosaria Suizzo e a suo marito Mario Barone, di associazione per delinquere finalizzata alle truffe aggravate ai danni della Comunità europea, dello Stato e di altri enti pubblici, di malversazione, evasione fiscale e riciclaggio.   Il giudice ha inoltre ritenuto contraddittorie le dichiarazioni rese dai due indagati sulla natura dei versamenti che avrebbero effettuato a Suizzo e Barone

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati