Cammarata a Roma per la vertenza Gesip

"Se una soluzione verrà identificata in sede nazionale dovremo tutti ringraziare l'impegno del presidente del Senato", ha dichiarato il sindaco di Palermo. La Regione, intanto, è pronta ad anticipare i 5 milioni di euro

PALERMO. “Non parteciperò oggi ai lavori della conferenza Regione-Autonomie locali che non tratterà alcun argomento connesso al contributo straordinario per Gesip che la Regione si era impegnata a darci. Già due giorni fa, infatti, gli uffici del Bilancio, dopo avere consultato la
dirigente responsabile degli Enti locali, mi hanno fatto sapere che la Conferenza non è una sede titolata ad approvare e disporre l'erogazione di contributi straordinari senza un supporto normativo”. Lo ha dichiarato il sindaco di Palermo, Diego Cammarata, oggi a Roma per partecipare al tavolo tecnico interministeriale che affronterà la vertenza Gesip.
“Purtroppo- continua Cammarata - in questa vicenda, come ho più volte sottolineato, non mi sono trovato a fianco né il Consiglio comunale né la Regione. Se una soluzione verrà identificata in sede nazionale dovremo tutti ringraziare l'impegno del Presidente del Senato, Renato Schifani, che anche in questa occasione, come sempre in passato, mi è stato accanto e ha sostenuto le ragioni della nostra città e, naturalmente il governo nazionale, in particolar modo, il ministro e coordinatore nazionale del Pdl Angelino Alfano”.

REGIONE PRONTA A CONCEDERE I SOLDI
La Ragioneria Generale della Regione puntualizza in una nota che, su direttiva dell'Assessore per l'Economia “ha già comunicato al sindaco di Palermo la disponibilità a concedere un'anticipazione straordinaria di 5 milioni di euro per la vertenza Gesip”. “Come è noto al sindaco di Palermo, che più volte ha interloquito con gli uffici della Regione per la risoluzione di tale delicata problematica - prosegue la nota - non rientra nelle facoltà della Ragioneria Generale né di altri uffici regionali la possibilità di concedere contributi straordinari di alcuna natura, in mancanza di un'espressa disposizione normativa a supporto”.

PROTESTE A PALERMO
Gli operai della Gesip, la società che si occupa di servizi per il Comune, hanno manifestato anche oggi a Palermo per chiedere l'internalizzazione dei servizi da parte del Comune. In centinaia hanno sfilato lungo le vie del centro. Sono circa 1.800 i lavoratori della società, in ferie forzate fino all'11 giugno. Il tratto stradale nei pressi della via Cavour è stato chiuso al traffico. Gli operai si sono mossi in corteo fino a Palazzo delle Aquile, sede del Municipio. E' previsto per questo pomeriggio alle 16 a Roma il tavolo interministeriale sulla vertenza.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati