Forza del Sud verso l'uscita dal Pdl: abbiamo obiettivi differenti

I parlamentari del partito fondato da Miccichè sarebbero pronti a costituire gruppi autonomi o confluire in quelli misti. "Siamo diversi, noi guardiamo ai territori" affermano fonti interne

PALERMO. I parlamentari di Forza del Sud, partito fondato dal sottosegretario alla Presidenza Gianfranco Micciché, sarebbero pronti ad abbandonare i gruppi del Pdl alla
Camera e al Senato per costituire gruppi autonomi o confluire in quelli misti. E' quanto emerge dalla direzione del partito riunito in un albergo a Roma. I parlamentari avrebbero
sollecitato Micciché a chiedere un incontro urgente con il premier Silvio Berlusconi per un chiarimento nella maggioranza. Senatori, deputati, coordinatori regionali e locali di Forza del Sud si sono riuniti per un'analisi del voto amministrativo.
Proprio alla luce dei risultati elettorali, in molti dirigenti è maturata la convinzione, spiegano fonti interne al partito di Micciché, che Fds "debba staccarsi dai gruppi parlamentari del Pdl per rimarcare la propria identità". "Siamo un partito completamente diverso - affermano le stesse fonti - e abbiamo obiettivi differenti, noi guardiamo ai territori". In base ad alcuni calcoli, Forza del Sud potrebbe contare su 11-12 deputati e 5-6 senatori. La scelta di creare gruppi autonomi o aderire ai gruppi misti di Camera e Senato dipenderà da valutazioni politiche.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati