Calcioscommesse, Maroni: una task force per stanare i colpevoli

Il ministro dell’Interno ha dato disposizioni al capo della polizia di intensificare le indagini. “Provo sconforto come tutti gli sportivi”

ROMA. Una task force per "stanare" chi inquina il calcio: il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, ha già dato disposizioni in proposito al capo della polizia, e lo annuncia in una intervista alla Gazzetta dello Sport. "D' intesa col mondo del calcio - ha affermato il ministro - voglio studiare iniziative per prevenire queste schifezze".  E, tanto per cominciare, "ho dato disposizione al capo della polizia di costituire una task force investigativa sul fenomeno - ha detto Maroni nell'intervista - per stanare chi  tende ad alterare la regolarità delle gare sportive con mezzi fraudolenti. Manganelli è già partito - aggiunge il ministro - e ha chiesto ai servizi specializzati delle forze di polizia (Sco, Ros e Gico) una relazione sul coinvolgimento delle mafie nel settore del calcio truccato e del calcioscommesse. Vogliamo individuare - ha proseguito - le migliori forme di prevenzione e repressione delle scommesse clandestine sulle partite di calcio".    
"Provo grande sconforto, come tutti gli sportivi - ha osservato - Perché amo il calcio. Come si fa ad accettare una situazione del genere?". Fondamentale, secondo il ministro, la cooperazione tra magistratura sportiva e ordinaria, nel controllo e nella prevenzione. "L'appello della Figc non solo lo raccolgo, ma lo sollecito. Solo lavorando insieme - ha concluso - troveremo una soluzione".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati