Berlusconi: non sono contrario alle primarie

Il presidente del Consiglio: favorevole purché si arrivi ad essere certi che i votanti sono dei veri sostenitori del Pdl e non infiltrati. Alfano? Avrà pieni poteri”

ROMA. "Io non sono contrario" alle primarie "purché si arrivi ad essere certi" che i votanti siano dei veri sostenitori del Pdl e non degli "infiltrati di sinistra", magari con una "sorta di registro di coloro". Lo ha detto il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi durante una telefonata a Mattino 5. Il premier è tornato a parlare delle amministrative. "Riconosco la sconfitta", alle comunali "abbiamo subito un gol ma continuiamo a vincere e a condurre per 4 a 1".
E ancora: "Il governo paga dazio in momenti di crisi ed anche la scelta dei candidati ha pesato". Il presidente del Consiglio ha aggiunto che la "tenaglia" dell'informazione, "soprattutto della Rai e de La7", ha fatto il resto tanto che gli elettori moderati disgustati non hanno votato.
Il premier inoltre assicura che Angelino Alfano avrà pieni poteri nel Pdl. "Alfano avrà tutti i poteri che gli verranno delegati attraverso la modifica dello statuto dal presidente (del Pdl, ndr), e sarà lui a dare ai tre coordinatori i compiti che riterrà opportuno conferire a ciascuno di loro", risponde il premier.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati