Fincantieri, operai in corteo a Palermo

Chiedono il ritiro del piano industriale presentato dall’azienda che prevede oltre duemila esuberi. Una delegazione ha incontrato l'assessore regionale alle Infrastrutture Pier Carmelo Russo

PALERMO. Circa seicento operai del Cantiere navale di Palermo e dell' indotto stanno bloccando viale Regione siciliana a Palermo, all'altezza del Motel Agip. La protesta è scattata dopo l'assemblea dei lavoratori, che si è svolta davanti ai cancelli della fabbrica, indetta dai sindacati di Fim, Fiom e Uilm, sul piano industriale 2010-2014 predisposto da Fincantieri e presentato lunedì ai sindacati.
Il piano prevede in totale 2 mila 551 esuberi, la chiusura dei cantieri di Castellammare di Stabia (Napoli) e Sestri Ponente (La Spezia) e il ridimensionamento di quello di Riva Trigoso (Genova). Dei 2.551 esuberi annunciati dalla società, 1.151 interesseranno i lavoratori degli altri siti del gruppo, tra cui il cantiere navale di Palermo. Gli operai si sono mossi in corteo dai cancelli della fabbrica; una delegazione è stata ricevuta anche dall'assessore regionale alle Infrastrutture Pier Carmelo Russo.
"Chiediamo - dice Francesco Foti della Rsu Fiom Fincantieri - il ritiro immediato di questo piano industriale, che prevede oltre duemila esuberi".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati