"Giovanni Falcone, una delle persone più buone che Palermo abbia mai conosciuto"

Costanza Piraino, una studentessa della scuola media Gentili di Palermo parla del sacrificio del giudice ucciso dalla mafia nel 1992

PALERMO. Giovanni Falcone non è stato una persona qualsiasi, ma un uomo così buono da  rinunciare a divertirsi, a uscire, ad avere un figlio, degli amici, alla sua vita per proteggere la sua città dalla mafia. Per uccidere un uomo come Giovanni Falcone e guardarlo morire, magari ridendo, non si può essere considerati persone, ma nemmeno animali perché sarebbe un’offesa per tutti gli animali. E tutti quelli che sono indifferenti al sacrificio di Falcone stando dalla parte della mafia, stanno scendendo al livello di quegli esseri viscidi che giorno 23 maggio 1992 hanno piazzato una bomba e ucciso una delle persone più buone che Palermo abbia mai conosciuto. Oggi chiunque si oppone a soprusi, ricatti e prevaricazioni farà sì che Giovanni Falcone non sia morto invano.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati