Sicilia, Cronaca

A Palermo da tutta Europa per Falcone

In viaggio da Civitavecchia le navi della legalità con a bordo centinaia di studenti e membri di tante organizzazioni della società civile. Domani andranno all'aula bunker e parteciperanno al corteo in memoria del magistrato

ROMA. Sono partiti ieri pomeriggio da Civitavecchia i 50 partecipanti al progetto "Waves of legality, waves of citizenship" promosso dalla Fondazione "Giovanni e Francesca Falcone" con il supporto del programma comunitario "L'Europa per i cittadini" e della Regione Siciliana. Viaggeranno assieme alle centinaia di studenti che si imbarcheranno sulle navi della legalità. A bordo anche la fiaccola della memoria chi i ciclisti tedofori del sindacato di polizia Sap, dopo aver percorso tutta l'Italia, hanno consegnato agli studenti della Valle d'Aosta diretti a Palermo.
Alcuni dei ragazzi europei prenderanno oggi la parola sotto l'Albero Falcone, leggendo in 15 diverse lingue una frase del Giudice ucciso il 23 maggio di 19 anni fa. Fra i 50 ragazzi e ragazze, provenienti da 16 diversi paesi europei e appartenenti per lo più a diverse organizzazioni della società civile europea, ci sono anche, nel gruppo italiano, alcuni giovani dell'area penale, che stanno scontando pene alternative alla detenzione o sono in "messa alla prova" e che stanno conducendo un percorso personale di formazione ed impegno civile.
Dopo essere partiti nei giorni scorsi dal Montenegro ed aver percorso tutta l'Italia da Bari ad Aosta, passando per L'Aquila, Ancona, Rimini, Bologna, Padova, Verona e Torino, i ciclisti tedofori del sindacato di polizia Sap hanno consegnato la fiaccola della memoria agli studenti della Valle d'Aosta che oggi si imbarcano a Civitavecchia sulla Nave della Legalità, promosssa dal Ministero dell'Istruzione con la collaborazione della Fondazione Falcone. Sulla nave, in rappresentanza dei poliziotti ciclisti che, nell'ambito del Memorial Day Sap 2011, hanno percorso in lungo e largo l'Italia, sarà presente anche il capodelegazione Massimo Denarier.  
Domattina, appena giunti a Palermo, i giovani del progetto "Onde di legalità, onde di cittadinanza", si recheranno presso l'aula bunker del carcere dell'Ucciardone e successivamente al "Villaggio della legalità" realizzato in una piazza cittadina, per partecipare infine al corteo da via D'Amelio (luogo della strage in cui fu ucciso il Giudice Paolo Borsellino con gli agenti della sua scorta) fino all'Albero Falcone.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati