"Forum is now", il movimento che vuole cambiare la città

Progettare e costruire una nuova città insieme ai suoi protagonisti, i cittadini. Mettere insieme persone e idee, senza colori, né partiti, per riscrivere la storia della città, per rinascere. E’ questo l’elemento che ha caratterizzato il primo forum, dal titolo “Palermo ieri, oggi e domani”, organizzato dal movimento “Impresa Palermo”

PALERMO. Progettare e costruire una nuova Palermo insieme ai suoi protagonisti, i cittadini. Mettere insieme persone e idee, senza colori, né partiti, per riscrivere la storia della città, per rinascere. E’ questo l’elemento che ha caratterizzato il primo forum, dal titolo “Palermo ieri, oggi e domani”, organizzato dal movimento “Impresa Palermo”, che si è svolto oggi al cinema Golden di via Terrasanta.


“I palermitani hanno raccolto la sfida e lo dimostra la grande partecipazione di oggi – dice Tommaso Dragotto, presidente del Movimento Impresa Palermo -. Il forum aveva l’obiettivo di testare gli animi dei cittadini e capire quanto hanno voglia di fare. Oggi sappiamo che possiamo andare avanti insieme. E che, quando sarà il momento, potremmo anche creare una lista da presentare alle prossime elezioni amministrative”.


Tanti gli argomenti di cui si è discusso: dai disagi nelle scuole della città al trasporto urbano, dalla viabilità al verde. Ad accompagnare il dibattito, la proiezione di video dossier realizzati dalla redazione del blog di “Impresa Palermo” e dai giovani delle scuole palermitane che hanno partecipato al progetto.
A raccontare i problemi degli istituti palermitani, sono stati gli stessi allievi. Hanno partecipato le scuole Nautico Gioeni – Trabia, Bonagia, Nicolò Garzilli e Giovanni Falcone. A descrivere, invece, i disagi dei disabili in città, sono stati gli operati del settore: presidenti di associazioni, avvocati che ne tutelano i diritti, psicologi.


“I giovani chiedono delle scuole migliori, i disabili strutture adeguate che permettano loro di vivere degnamente. Tutti devono vivere nel migliore dei modi, ma sembra che oggi la città neghi anche i diritti fondamentali – spiega ancora Dragotto -. Ed è per questo che si deve fare qualcosa. Per creare e progettare una Palermo migliore, insieme ai suoi cittadini. Sono loro i veri protagonisti, fulcro dinamico della rinascita”.


Rinascita che passa anche attraverso una viabilità migliore ed un trasporto pubblico più efficiente. “Abbiamo due grandi progetti che potrebbero davvero rivoluzionare la viabilità palermitana – spiega ancora Dragotto -. Progetti che riguardano la via Libertà e Mondello. Basta poco per cambiare il loro attuale look e per riportarlo allo splendore di un tempo. Per via Libertà abbiamo pensato ad una trasformazione che potrebbe renderla molto simile alla bellissima rambla spagnola. Per la borgata marinara, invece, pensiamo ad un grande progetto di pedonalizzazione che trasformerebbe completamente la piazza, oggi assediata dalle bancarelle abusive e oppressa dalla sosta selvaggia”.


L'evento è stato presentato da Mario Caminita, voce di Radio Time. Hanno partecipato Bartolo Sammartino, presidente dell'Accademia Nazionale della Politica; Alessandro Arcobasso, presidente dell'associazione “Società Attiva”; Giovanna Allotta, presidente dell'associazione “Il tesoro ritrovato”; Manfredi Campanella, psicologo; Giuseppe Frisella, docente di economia all’Università di Palermo, e i dirigenti scolastici e gli insegnanti degli istituti Nautico, Giovanni Falcone e Bonagia.


Durante la manifestazione, anche una mostra di immagini d'epoca di Palermo, l'esposizione di due plastici progettuali e un sorteggio.
Tre i premi vinti: una bicicletta elettrica, una mountain bike e un kit per la raccolta differenziata. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati