Rossi: "Futuro? Penso solo al Chievo e alla finale"

L'allenatore del Palermo rimane concentrato sugli ultimi due impegni di stagione e non pensa che domani potrebbe essere la sua ultima gara al Barbera da tecnico dei rosa. "Le voci sul mio conto mi scivolano addosso"

PALERMO. Chissà, magari domani, durante Palermo – Chievo giusto per il tempo della partita, i tifosi non penseranno solo all’appuntamento del 29 maggio. Sì, perché domani è probabile che ci sarà un pensiero che più di tutti passerà per la mente dei tifosi accomodati sugli spalti. «E se questa è l’ultima partita di Delio Rossi al Barbera come allenatore del Palermo?», si chiederanno tutti. E la stessa domanda potrebbe porsi anche per Miccoli e Pastore. L’interrogativo, allora, è stato rivolto proprio a uno dei diretti interessati, Delio Rossi, nella conferenza stampa a Boccadifalco. «Ma perché dovrebbe essere l’ultima gara al Barbera? Io ho un contratto in scadenza il 30 giugno e comunque al momento le mie energie sono concentrate al match di domani e alla finale. Inoltre, non sento Zamparini dalla vigilia della gara con la Samp. Detto questo, tutte le voci sul mio conto al momento mi scivolano addosso».
Chievo, indicazioni verso Roma. Ancora una volta, dunque, l’invito del tecnico rosanero è mirato a pensare esclusivamente al campo, agli ultimi 180 minuti della stagione rosanero. Si comincia domani con i novanta minuti contro i clivensi che chiudono il campionato, le ultime prove generali. «Domani per è una partita importantissima per due motivi. Il primo è che chiudiamo davanti al nostro pubblico e ci teniamo a fare bella figura e poi perché cercherò delle indicazioni per l’impegno successivo. Perché se per domani ho le idee già abbastanza chiare, non è così ancora per la finale anche se le assenze di Bacinovic e Bovo restringono ristringono il campo delle scelte».
Fare come l'anno scorso: obiettivo raggiunto. E alla vigilia dell’ultimo impegno di campionato, è già tempo di primi bilanci. Anche se quelli definitivi andranno fatti dopo la finale, «però anche se non arriveremo numericamente agli stessi punti dello scorso anno – spiega Rossi -, sappiamo che abbiamo già centrato nuovamente l’Europa e che siamo in Coppa Italia».
"Attesa per la finale? Per anni gente ha mangiato trippa". Già, la Coppa Italia. La partita secca che può spostare pesantemente l’ago della bilancia di un’intera stagione. Rossi si augura che i suoi giocatori vivano più serenamente possibile i giorni che li separano dall’evento dell’Olimpico, pur sapendo che per molti dei suoi calciatori è la prima occasione di vincere qualcosa di prestigioso. Ma è sull’attesa di tutto l’ambiente che l’allenatore di Rimini regala una delle sue metafore per descrivere le aspettative della gente. «Capisco lo stato d’animo dei tifosi. Hanno sofferto con noi e sanno cosa significa cadere da cavallo. Però solo chi prova queste esperienze, le può capire e poi assaporare il gusto di rimettersi in sella. Riguardo alla finale, bisogna ricordare che non si è sempre mangiato il caviale, ma per lungo tempo si andati avanti con la trippa. Ecco, per questo motivo – ha aggiunto Rossi – sarebbe bello un trionfo per quella parte d’Italia che, è giusto sottolineare, non è agevolata a vincere come altre parti del Paese».
Mercato, Pastore: nessun sbandamento. Rossi sposta poi l’attenzione sui singoli. Si parte dal nome sulla bocca di tutti, ovvero quello di Javier Pastore. «Ho la fortuna di conoscere il ragazzo e posso dire che non rischia sbandamenti per le voci di mercato. Pastore è anche in grado di capire che il 98% delle chiacchere sul suo conto non corrispondono al vero».
Balzaretti, arrivederci in finale. Infine si passa a parlare dei recuperi. Le buone notizie riguardano l’attacco con Pinilla che ha già recuperato e che per domani risulta nella lista dei convocati. Stesso discorso per Liverani per il quale mister Rossi spende parole di elogio, dicendo a chiare lettere di avere molto bisogno del numero 11 rosanero per le ultime due gare. Ma dichiarazioni importanti del mister arrivano anche sulle condizioni di Balzaretti, anche domani ai box. «L’infortunio di Balzaretti rimane subdolo, ma anche per lui vale lo stesso discorso fatto per Pastore. Lo conosco e so che persona è, per questo motivo so anche che per la finale sarà al suo posto».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati