Nissambiente, avviso di licenziamento per 100 netturbini

La società smantellerà il cantiere di Caltanissetta dopo la mancata proroga dell'appalto per la rimozione dei rifiuti in città

CALTANISSETTA. Un centinaio di netturbini a Caltanissetta stamani hanno ricevuto un preavviso di licenziamento con decorrenza 1 giugno perché la società dalla quale dipendono, la "Nissambiente", smantellerà il cantiere di Caltanissetta dopo la mancata proroga dell'appalto per la rimozione dei rifiuti.
I netturbini inoltre da tre giorni scioperano per il mancato pagamento degli stipendi di aprile e i rifiuti hanno invaso i marciapiedi e hanno annunciato che non interromperanno lo sciopero. Oggi nella sede della società si sono registrati momenti di tensione e i lavoratori, molti dei quali in lacrime per aver perso il posto di lavoro, hanno rifiutato di ritirare la lettera dalle mani dei dirigenti dell'azienda: una protesta vana visto che riceveranno l'avviso a casa. Il commissario liquidatore dell'Ato rifiuti Cl 1 Elisa Ingala ha detto che la società d'ambito non ha soldi e ha chiesto un intervento sussidiario del Comune "necessario - ha osservato - per pagare i netturbini di Nissambiente". Il sindaco Michele Campisi, a sua volta, ha richiamato l'Ato Ambiente per non avere emesso ancora le bollette di pagamento della tassa per i rifiuti urbani per il 2011 con le quali avrebbe incassato le somme necessarie per pagare i netturbini.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati