Lo Bello: dirigenti meridionali responsabili del divario economico del Paese

Lo ha detto il leader di Confindustria Sicilia, durante l'incontro sui 150 anni dell'Unità d'Italia alla Camera di Commercio di Palermo. "Ci sono ancora imprese che hanno nostalgia del passato", ha aggiunto

Sicilia, Politica

PALERMO. "Sono le classi dirigenti meridionali ad avere la maggiore responsabilità della
spaccatura economica e sociale del Paese". Lo ha detto il leader di Confindustria in Sicilia, Ivan Lo Bello, a margine dell'incontro sui 150 anni dell'Unità d'Italia organizzato alla Camera di Commercio di Palermo.
"E' inutile dare la colpa ai governi nazionali - ha aggiunto - la responsabilità di questi divari è della classe dirigente meridionale, coinvolta a livello politico e imprenditoriale". Per Lo Bello "c'é ancora un pezzo di imprese che ha nostalgia del passato e dell'assistenzialismo, ma così non si va avanti, non ci sono più soldi, l'unica scelta che la Sicilia deve fare é puntare al mercato". "Tutta l'Italia oggi è divisa sotto il profilo economico e sociale - ha concluso - ma il sentimento nazionale è forte nel Paese, lo hanno dimostrato le grandi folle che hanno accolto Napolitano nel tour per i 150 anni dell'Unità d'Italia".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati