Cattedrale di Noto, completato l’affresco della cupola

Domenica l'inaugurazione delle opere realizzate da Oleg Supereco e delle vetrate del tamburo, di Francesco Mori. La basilica, andata in gran parte distrutta nel crollo del 1996 e riconsegnata ai fedeli nel giugno del 2007, è il monumento simbolo dell'arte barocca della città

Sicilia, Cultura

NOTO. Riaperta al culto nel 2007, undici anni dopo il crollo che l'aveva devastata, la Cattedrale di Noto, pregevole esempio di arte barocca, domenica compirà un altro passo avanti con l'inaugurazione degli affreschi della cupola, realizzati da Oleg Supereco, e delle vetrate del tamburo, di Francesco Mori.
Nella chiesa simbolo del Giardino di Pietra, riconosciuto patrimonio dell'umanità dall'Unesco, si sono conclusi anche i lavori di realizzazione dell'altare, che sarà consacrato, dell'ambone e della croce, che saranno benedetti, realizzati dallo scultore Giuseppe Ducrot.
Alla cerimonia è annunciata la presenza, tra gli altri, del ministro  dell'Ambiente, Stefania Prestigiacomo,  del capo del dipartimento della Protezione civile nazionale, Franco Gabrielli, del presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo.
La Cattedrale, andata in gran parte distrutta il 13 marzo del 1996 e riconsegnata al culto dei fedeli nel giugno del 2007, è il monumento simbolo dell'arte barocca della città e del Val di Noto. Il crollo aveva interessato la navata centrale e quella destra, alcuni piloni e gran parte della cupola.
Per reintegrare l'opera nel paesaggio urbano della città sono stati necessari anni di scavi per recuperare migliaia di pietre. La complessa ricostruzione è avvenuta coniugando antiche tecniche costruttive e  moderne tecnologie sviluppate nel campo dell'ingegneria antisismica.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati