Finanzaria siciliana, ok dal commissario di Stato

Impugnato solo un articolo del documento approvato lo scorso 30 aprile dall'Ars. Riguarda il trattamento pensionistico dei dipendenti dell'Eas

PALERMO. La finanziaria approvata lo scorso 30 aprile dall'Assemblea regionale siciliana ha superato l'esame del Commissario dello Stato, Carmelo Aronica, che ha impugnato solo un articolo del Bilancio riguardante il trattamento pensionistico del personale dell'Ente Acquedotti Siciliani.     
Via libera dunque alle parti della manovra considerate 'a rischio impugnativa' come la norma, contestata dagli ambientalisti, che permette di realizzare strutture turistiche e ricettive in verde agricolo attraverso il cambio di destinazione d'uso degli edifici esistenti, e alla norma che prevede l'utilizzo dei fondi Fas per la copertura di circa 650 milioni del deficit della sanità.     
La "finanziaria snella", come è stata definita dallo stesso presidente della Regione Raffaele Lombardo, supera dunque l'esame del Commissario dello Stato: le riforme di settore, contenute nel maxiemendamento che è però stato ritirato dal governo nel corso del dibattito sulla manovra, dovrebbero adesso essere esaminate dall'Ars sotto forma di specifici disegni di legge.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati