Presi 5 giovani catanesi accusati di rapine al Nord

BOLOGNA. Per giustificare con i familiari i frequenti viaggi al Nord, dicevano di andare a fare lavori occasionali come imbianchini o elettricisti, ma il vero motivo delle trasferte era rapinare banche. E' accusata di tre colpi, due riusciti e uno tentato, una banda di cinque catanesi sgominata dalla squadra Mobile di Bologna, al termine di un'indagine coordinata dal sostituto procuratore Massimiliano Rossi.  In manette sono finiti Alessio Morabito, 20 anni, Gianluca Baeli, 23 anni e il diciottenne Luciano Calvagna, tutti già noti alle forze dell'ordine, mentre hanno ricevuto un provvedimento di obbligo di dimora nella loro città la presunta 'capobanda' C.B., 26 anni, incensurata, e il basista del gruppo, F.P., 26 anni, studente di farmacia all'università di Bologna, che aveva un ruolo più marginale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati