Cronaca in classe. A Brancaccio il cineforum dei ragazzi

Enlarge Dislarge
1 / 5
Iniziano le attività di cineforumal liceo scientifico ErnestoBasile di via San Ciro, a Brancaccio.Per diversi giorni alla settimana infatti,l’auditorium appena inaugurato,intitolato alla memoriadi Emanuele Teresi, exalunno dell’istituto scomparsoin un tragico incidente stradale,verrà utilizzato per la proiezionedi svariati film la cui visione,aperta oltre che agli alunni a tuttii giovani del quartiere di Brancaccio,sarà gratuita. «Abbiamopensato ad una rassegna popolaredestinata appunto a tutti - affermaVito Lo scrudano, presidedel Basile -. I film che faremo vedere sarannoinfatti leggeri e gradevoli.Abbiamo iniziato qualchegiorno fa con “Nati Stanchi“,un film del 2002 i cui protagonisti,Ficarra e Picone, sonopalermitani, perché vogliamosempre esaltare la nostra terra.La maggior parte delle nostre attivitàsono destinate al nostroquartiere che necessita ancoradi tante cose». Una nuova opportunitàquindi per Brancaccio dove,come spesso ha sottolineatoPadre Pino Puglisi, mancanoluoghi di aggregazione sociale. Nella foto: Giulia Vinciguerra, Deborah Bonfardeci, Michele Gargano, Fabrizio D’Amico, Francesco Paolo Sparacello, Simona Martellaro, Antonino Pizzo ed Alessandro Trapani
Iniziano le attività di cineforumal liceo scientifico ErnestoBasile di via San Ciro, a Brancaccio.Per diversi giorni alla settimana infatti,l’auditorium appena inaugurato,intitolato alla memoriadi Emanuele Teresi, exalunno dell’istituto scomparsoin un tragico incidente stradale,verrà utilizzato per la proiezionedi svariati film la cui visione,aperta oltre che agli alunni a tuttii giovani del quartiere di Brancaccio,sarà gratuita. «Abbiamopensato ad una rassegna popolaredestinata appunto a tutti - affermaVito Lo scrudano, presidedel Basile -. I film che faremo vedere sarannoinfatti leggeri e gradevoli.Abbiamo iniziato qualchegiorno fa con “Nati Stanchi“,un film del 2002 i cui protagonisti,Ficarra e Picone, sonopalermitani, perché vogliamosempre esaltare la nostra terra.La maggior parte delle nostre attivitàsono destinate al nostroquartiere che necessita ancoradi tante cose». Una nuova opportunitàquindi per Brancaccio dove,come spesso ha sottolineatoPadre Pino Puglisi, mancanoluoghi di aggregazione sociale. Nella foto: Giulia Vinciguerra, Deborah Bonfardeci, Michele Gargano, Fabrizio D’Amico, Francesco Paolo Sparacello, Simona Martellaro, Antonino Pizzo ed Alessandro Trapani