Palermo, Gesip: lavoratori bloccano ancora il traffico

I manifestanti hanno tentato di entrare nella Cattedrale ma sono stati fermati dalle forze dell'ordine e si sono poi diretti in corso Vittorio Emanuele, fino ai quattro canti, dove dicono di essere stati picchiati con manganelli da esponenti delle forze dell'ordine

PALERMO. Alcune centinaia di lavoratori della Gesip, società di servizi del Comune di Palermo che non vengono pagati per mancanza di fondi e chiedono di diventare a tutti gli effetti dipendenti comunali, hanno manifestato in diverse zone del centro storico bloccando il traffico e creando notevoli disagi alla circolazione straadale.     I manifestanti hanno tentato di entrare nella Cattedrale ma sono stati fermati dalle forze dell'ordine e si sono poi diretti in corso Vittorio Emanuele, fino ai quattro canti, dove dicono di essere stati picchiati con manganelli da esponenti delle  forze dell'ordine, poi davanti palazzo d'Orleans, sede della presidenza della Regione, mentre ora si stanno spostando per le vie del centro senza preavviso. Il sindaco di Palermo, Diego Cammarata, ha chiesto fondi per la Gesip al governo nazionale e dovrebbe inviare al consiglio comuale una delibera per prorogare di un mese il contratto di servizio tra il Comune e la società. I sindacati hanno chiesto l'apertura di un tavolo di concertazione in prefettura


Un dipendente della Gesip, Carmelo Accetta, 58 anni, è stato arrestato stamattina per resistenza a pubblico ufficiale. Il corteo stava bloccando il traffico in via Maqueda, scortato dalla polizia, quando un gruppo di manifestanti si è avvicinato ad un furgoncino che trasportava bombole del gas.     Accetta ne ha presa una e ha minacciato di lanciarla contro i poliziotti. Per 'disarmarlo' sono intervenuti gli agenti della Mobile ai quali Accetta ha opposto resistenza, cercando di divincolarsi per colpirli. I poliziotti sono poi riusciti a fermare l'uomo, che è stato condotto in questura.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati