Juve, l’ora delle scelte: Mancini in pole per la panchina

Sempre più lontana la riconferma di Delneri. Tra i candidati a sostituirlo anche Mazzarri, Conte, Villas Boas e Lippi

TORINO. Alla Juve è arrivata l'ora delle scelte. Nonostante la rifondazione targata Agnelli-Marotta della scorsa estate, con il settimo posto la stagione che sta volgendo al termine ricalca al momento quella passata. E potrebbe anche finire peggio se nelle ultime quattro giornate i bianconeri non riuscissero a centrare neanche i preliminari di Europa League. Ecco allora che gli ultimi eventi - leggasi quarto posto ormai sfumato - hanno di fatto accelerato la programmazione della  prossima stagione, quella dell'ennesimo rilancio, del nuovo stadio, quella insomma in cui non si potrà più fallire.  
Lo snodo principale riguarda il nome del tecnico che sostituirà Gigi Del Neri, visto che le ultime due gare con Fiorentina e Catania hanno spazzato via le ultime possibilità di una sua conferma. La lista dei candidati è ormai nota, con Roberto Mancini però in pole position davanti ai vari Mazzarri, Conte, Villas Boas e Lippi. Ciascuno di essi però porta con sé vincoli e ostacoli. Detto che Mancini è in posizione di vantaggio essendosi già incontrato nelle scorse settimane con i dirigenti bianconeri, l'attuale manager del Manchester City ha il problema del costo elevato (oltre 4 milioni annui) e potrebbe essere indotto a restare Oltremanica se conquistasse la Fa Cup tra due settimane. Pavel Nedved, consigliere d'amministrazione della Juve, sta provando a convincere il suo ex compagno di squadra alla Lazio, peraltro non troppo ben visto dai tifosi bianconeri come dimostrano anche i sondaggi e le discussioni sui forum. Mancini, dal canto suo, ha chiesto garanzie economiche e tecniche.  
Walter Mazzarri al momento è concentrato sul Napoli e sulla straordinaria stagione che stanno scrivendo gli azzurri e, pur non disdegnando l'ipotesi Juve, non può impegnarsi al momento in trattative o abboccamenti di sorta: bisognerà attendere la fine della stagione. Le suggestioni giovani, come Antonio Conte e André Villas Boas, intrigano. Conte ha ben impressionato e sarebbe la scelta migliore anche nei confronti della piazza; Villas Boas quella più affascinante per dar vita a un nuovo ciclo stile-Mourinho. Sullo sfondo c'e anche Marcello Lippi che si è detto disponibile a dare una mano alla causa, un nome mai trascurabile in casa bianconera.  Le prossime, dunque, saranno settimane decisive per il futuro juventino. Giovedì l'assemblea di Exor, la controllante della Juve, delineerà le capacità di spesa per il prossimo mercato. Inoltre ogni giorno potrebbe essere quello buono per la firma del rinnovo del contratto di Alessandro Del Piero. E' arrivata l'ora delle scelte.  

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati