Ciancimino, Ingroia: incrinata la credibilità dei collaboratori

Il procuratore aggiunto di Palermo: “Una dichiarazione calunniosa non è acqua fresca, ma altre sue dichiarazioni stanno in piedi”

Sicilia, Cronaca

PALERMO. "Mi preoccuperebbe scoprire di essere stato raggirato in una calunnia senza rendermene conto. Quando i fatti si scoprono e si contribuisce all'accertamento della verità non c'é motivo di preoccuparsi". Il procuratore aggiunto di Palermo Antonio Ingroia ha commentato con queste parole il fermo di Massimo Ciancimino, a margine della cerimonia di inaugurazione delle statue di Falcone e Borsellino esposte da oggi nell'atrio del Palazzo di Giustizia. "Certo questo - ha aggiunto - è un fatto che incrina la credibilità dei collaboratori. E' chiaro che una dichiarazione calunniosa non è acqua fresca, però è anche vero che ci sono dichiarazioni di Ciancimino che stanno in piedi a prescindere dalla sua credibilità generica e sono riscontrate da elementi specifici".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati