"Truffa con fondi Ue", a giudizio imprenditori a Patti

PATTI. Il Gup del tribunale di Patti, Maria Pina Scolaro, ha rinviato a giudizio gli imprenditori: Salvatore Agnello, Natale Merlino, Antonino Sciammetta e il rappresentate della società 'Gioiosa' spà, con l'accusa di truffa all'Unione europea per ottenere un finanziamento dall'assessorato regionale all'industria nell'ambito del Por Sicilia 2000-2006. Durante le indagini della guardia di finanza avviate nel 2009 coordinate dal sostituto procuratore Rosanna Casabona sono state sequestrate due imbarcazioni del valore di 600 mila euro di 12 e 15 metri, utilizzate durante la stagione estiva dalla ditta 'Antonino Sciammetta' beneficiaria dei contributo comunitario per l'attività di charter - nautico alle isole eolie e diversi conti correnti bancari. Questi ultimi erano intestati a Sciammetta, ad Agnello, azionista del villaggio turistico Capo Calavà, gestito dalla società Gioiosa Spa e al legale rappresentante pro tempore di quest'ultima Natale Merlino. Gli indagati avrebbero messo in atto delle truffe per ottenere il finanziamento e comprare le imbarcazioni di fatto utilizzate dalla Gioiosa spa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati