Vitrano resta ai domiciliari

Per il Tribunale del Riesame permangono "fortissime possibilità di inquinamento delle prove" da parte del deputato regionale del Pd, arrestato a marzo per concussione mentre stava ricevendo una mazzetta da un imprenditore del fotovoltaico

Sicilia, Cronaca

PALERMO. Per il Tribunale del Riesame permangono "fortissime possibilità di inquinamento delle prove" da parte di Gaspare Vitrano, il deputato regionale del Pd arrestato a marzo per concussione mentre stava ricevendo una mazzetta da un imprenditore del fotovoltaico. Per questi motivi per il Riesame permangono le esigenze di custodia cautelare ma ai domiciliari perché il deputato è incensurato. Il Riesame ha inoltre puntualizzato che eventuali interessi nel fotovoltaico da parte di Vitrano che ha una società assieme a Piergiorgio Ingrassia, anche lui arrestato, e il deputato regionale Api Mario Bonomo, non possono comunque essere presi in esame per valutare l'ipotesi di reato di concussione. Il deputato aveva infatti giustificato la mazzetta come i proventi dei suoi investimenti

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati