Juve: Del Neri in bilico, Mancini in pole

L'attuale tecnico è stato chiaramente messo in discussione da Marotta. L'allenatore del City o Villas Boas i nomi più gettonati

TORINO. Le cinque giornate di Del Neri. Il rush finale del campionato servirà alla Juve per agguantare almeno il sesto posto utile per la qualificazione diretta all'Europa League e allo stesso tempo a capire se il "Risorgimento bianconero" che la società sta pianificando attraverso il mercato per la prossima stagione potrà essere affidato sempre all'allenatore friulano.    


Lo scialbo pareggio di Firenze ha fatto nuovamente raffreddare le quotazioni di Del Neri, che pure ha compiuto tra mille difficoltà un lavoro non di poco conto e che con tre vittorie consecutive si era guadagnato qualche nuova e più ampia prospettiva di conferma. Nel bilancio finale però il risultato di domenica è destinato a pesare. Un'altra occasione é stata sprecata (per superare la Roma e tenere il passo della Lazio, in attesa dello scontro diretto), la Champions è diventata utopia. E i tifosi mugugnano: non piace la Juve con una mentalità da provinciale, che fa buon viso a cattivo pareggio, dichiarandosi soddisfatta di un risultato che invece spegne le ultime velleità. Così, puntuale, insieme alle parole di ieri dell'ad Marotta, è ripartito il valzer dei nomi dei possibili sostituti. Con Mancini (però non troppo gradito alla piazza) e Villas Boas che al momento appaiono in pole position davanti a Spalletti (più probabile eventualmente per il 2012), Mazzarri e Conte.   


Almeno a parole, intanto, la squadra non molla. "Le gare che restano vanno vinte tutte. Solo in questo modo potremo continuare a sperare, avendo fatto il nostro dovere" afferma Claudio Marchisio, vicino alla firma per il prolungamento del contratto.    "Spero che nelle prossime settimane si arrivi alla firma - aggiunge il centrocampista -, sicuramente prima della fine della stagione. Non voglio passare un altro anno a pensare a quello oltre che al campo".    In vista del Catania, per Del Neri arrivano buone notizie dall'infermeria. "Oggi ho lavorato con il gruppo, finalmente sto meglio. Se tutto procede senza inconvenienti sabato dovrei riuscire ad essere a disposizione" rassicura via web Giorgio Chiellini. E anche De Ceglie si prepara per la prima convocazione dopo il grave infortunio alla rotula che lo ha tenuto fuori da inizio novembre. In tema di ritorni, poi, c'é Fabio Quagliarella, fuori da gennaio per la rottura dei legamenti del ginocchio destro: oggi ha annunciato che dopo Pasqua riprenderà ad allenarsi a Vinovo. "Il recupero procede bene, sono soddisfatto".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati