Migrante ricoverato nel Ragusano: affetto da tubercolosi

Il giovane somalo, fuggito dal centro di prima accoglienza di Pozzallo, è stato fermato nella notte tra venerdì e sabato e accompagnato in ospedale per le ferite riportate

MODICA. Uno dei migranti fuggiti dal centro di prima accoglienza di Pozzallo, in provincia di Ragusa, poi fermato nella notte fra venerdì e sabato scorsi, è affetto da tubercolosi in stato attivo. Lo ha comunicato la direzione sanitaria dell'ospedale Maggiore di Modica dove il giovane somalo si trova ricoverato per le ferite riportate nella fuga, al sindaco di Pozzallo, il medico Giuseppe Sulsenti. Il sindaco si è messo subito in contatto con la Prefettura, per affrontare l'emergenza, in quanto le strutture sanitarie locali non dispongono di vaccino in quantità sufficiente per proteggere la popolazione dai rischi di contagio.
Il somalo è giunto a Pozzallo, insieme ad altri 200 connazionali, proveniente da Lampedusa nei giorni dell'emergenza più calda che ha colpito l'isola. La notte di venerdì aveva tentato la fuga insieme ad altri 49 migranti ma, dopo una colluttazione con le forze dell'ordine insieme ad altri 11, fu bloccato ed accompagnato in ospedale per le ferite riportate.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati