La centrale della droga allo Zen, 25 arresti

Gli spacciatori ripresi dalle telecamere piazzate dai carabinieri. Dalle indagini emersi legami con Cosa Nostra

PALERMO. I carabinieri hanno eseguito a Palermo 25 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di una banda di spacciatori che aveva come base operativa il quartiere Zen. Dalle indagini, coordinate dal Pm Maurizio Bonaccorso, sono emersi, infatti, collegamenti con personaggi legati a Cosa nostra che controllano lo spaccio nel popoloso quartiere alla periferia di Palermo.     
Il cuore dello spaccio era la via Agesia di Siracusa, dove i carabinieri hanno piazzato le telecamere. Gli indagati si erano persino accorti di essere spiati e raccomandavano ai clienti di fare attenzione al "Grande fratello". Per mesi i militari hanno registrato la vendita della droga e il viavai di acquirenti.  "L'attività di smercio appare favorita - si legge nella misura cautelare firmata dal Gip Michele Alajmo - da una condizione di degrado ambientale che, in una situazione di diseconomia reale e di deficit occupazionale, è destinato a fare registrare un alto indice di criminalità e di illegalità diffusa".  Le persone, arrestate dagli uomini del nucleo operativo di San Lorenzo, sono l'anello terminale di "una struttura complessa e ramificata - si legge ancora - che gestisce in maniera imprenditoriale lo smercio di cocaina, marijuana e hashish". L'inchiesta, conclude il gip, costituisce la "premessa per verificare e approfondire i meccanismi che regolano l'attività illecita"

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati