Rossi: "Peccato per il pareggio, ma il gioco c'è"

Il tecnico al suo ritorno in panchina, acclamato dai tifosi: "Abbiamo dominato e poi è finita così. E' un peccato"

PALERMO.Il tecnico E' entrato in campo fra gli applausi, è corso ad abbracciare Mauricio Pinilla dopo il secondo gol, liberandosi delle scorie accumulate in poco più di un mese da 'spettatore' interessato del 'suo' Palermo. Era tutto troppo bello, troppo perfetto, per Delio Rossi, che, nel giro di 4', ha visto materializzarsi vecchi incubi, quando il Cesena ha prima dimezzato lo svantaggio e poi riacciuffato un pari insperato.     Il destro di Giaccherini ha rovinato i piani ed i desideri di del 'signor Rossi', richiamato dal presidente Maurizio Zamparini sulla panchina rosanero, dopo il breve intermezzo di Serse Cosmi. "Sarebbe meglio non raccontare come è andata la partita - ha detto l'allenatore dei rosanero -. Abbiamo dominato per tutta la partita, poi è finita così. E' stata una partita particolare, ci mancavano diversi giocatori, in campo c'erano molti ragazzini e, purtroppo, abbiamo pareggiato. E' un peccato, ma ho visto del bel gioco ed è questo l'importante".    


Rossi ha ripreso in mano la squadra in un momento ancora peggiore di quando l'ha dovuta lasciare. "So cosa significa perdere un derby e sapevo che il rientro sarebbe stato difficilissimo - ha spiegato -. Ci voleva una vittoria per rilanciarci. Poi è arrivata anche un po' di sfortuna e abbiamo pareggiato. Però ho visto tante cose buone. Adesso bisogna riannodare le fila, per questo mi serviva un risultato positivo ed era quasi fatta".     Rimangono gli applausi e l'affetto manifestatogli dal pubblico di Palermo. "L'ovazione è stata da brividi - ha commentato Rossi -, sembrava che non fossi mai andato via. Per questo il calcio è crudele, speravo davvero di vincere".   


Di tutt'altro umore l'allenatore del Cesena, Massimo Ficcadenti, che non credeva - visto come si erano messe le cose dopo soli 36' di gioco - di uscire dal Barbera con un punto in tasca. Invece, questo pareggio dà nuove speranze ai romagnoli. "Il 2-2 è molto importante - ha ammesso Ficcadenti -. Dispiace per la rissa finale. Il 2-2 all'ultimo minuto è crudele e qualche parola di troppo ha acceso la miccia in campo. Abbiamo sbagliato tutti quanti, ma il Palermo ha sbagliato di più. Purtroppo sono cose che succedono". "Sono comunque molto soddisfatto del punto in più in classifica - ha aggiunto - non era facile recuperare, per di più in inferiorità numerica. Siamo partiti male e questo non ce lo possiamo permettere. Rimane comunque la voglia di far bene fino alla fine. Abbiamo lottato fino all'ultimo".    

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati