Sottogoverno, ecco gli stipendi della Regione

Un migliaio gli incarichi distribuiti lo scorso anno, 400 in meno del 2009: da zero a settantamila euro il costo di ognuno degli esperti. Il record del sirettivo del Corecom: 150 mila euro lordi. “Tagli” del trenta per cento degli stipendi

PALERMO. Nonostante i tagli, nonostante l’austerity, nonostante la crisi gli incarichi concessi dalla Regione siciliana restano migliaia. I nomi, circa mille, nel lunghissimo elenco dei posti di sottogoverno – come spiega il Giornale di Sicilia in edicola oggi - sono circa quattrocento in meno e gli stipendi hanno subito un ridimensionamento del trenta per cento, ma i compensi possono ancora sfiorare i settantamila euro l’anno (è il caso di Francesco Riggio, presidente del Ciapi di Palermo).
Alla cabina di regia della presidenza della regione per migliorare l’uso delle risorse comunitarie e statali, sono andati circa 100 mila euro lordi: 32 mila all’avvocato Aurelio Bruno, e 9.500 l’uno agli altri componenti: Vincenzo Fazio, Francesco Faraci, Giuseppe Lapis e Robert Leonardi che hanno dedicato all’incarico sette ore e mezzo di lavoro tra giugno e ottobre.
Al direttivo del Corecom sono andati 150 mila euro lordi, 50 mila ciascuno a Salvatore Sammartino e Giuseppe Verde, come componenti della commissione paritetica dello statuto per la riforma federale della Sicilia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati