Zen, la mafia dietro le occupazioni abusive?

Inchiesta della Procura di Palermo sulle case popolari prese d’assalto. Due collaboratori di giustizia hanno avvalorato i sospetti degli inquirenti. Indagini anche su eventuali complicità nella pubblica amministrazione

PALERMO. Dietro le occupazioni abusive dello Zen, a Palermo, c’è la mafia. È la tesi che sta sviluppando la Procura del capoluogo – come riportato nelle pagine del Giornale di Sicilia in edicola questa mattina.
I magistrati, in particolare, indagano su alcuni recenti episodi in cui alcune famiglie hanno lasciato il proprio appartamento per un viaggio o una vacanza e lo hanno trovato immediatamente occupato da altri. Circostanze che si sta cercando di appurare con la collaborazione di due recenti pentiti del quartiere: Salvatore Giordano e il genero Sebastiano Arnone, che avrebbero avvalorato alcuni dei sospetti degli inquirenti.
Indagini anche su eventuali complicità nella pubblica amministrazione.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati