Accusato di aiuti al boss, bancario palermitano torna libero

Scarcerato Igor Mazzola, arrestato l'8 marzo per favoreggiamento aggravato. Da lunedì potrà riprendere servizio. Non si conoscono le motivazioni della sentenza

PALERMO. Riprenderà servizio lunedì nella sede centrale di Banca Intesa di Palermo Igor Mazzola, 53 anni, arrestato l'8 marzo con l'accusa di favoreggiamento aggravato a Cosa nostra. Il tribunale del riesame ha infatti disposto la scarcerazione del bancario, difeso dall'avvocato Ennio Tinaglia. Secondo la Procura, a partire dal 2004 e fino al 2007, quando era direttore della filiale di corso Calatafimi dell'istituto di credito, avrebbe aiutato Giovanni Francesco Vassallo, elemento di spicco del clan di Altofonte, già condannato per mafia nel 1996, a realizzare intestazioni fittizie di società e imprese a persone di sua fiducia per eludere indagini in corso. Fino a ora non si conoscono le motivazioni della sentenza emessa dal riesame, ma per far venir meno la custodia cautelare in carcere i giudici avranno ritenuto infondata l'aggravante dell'aver favorito la mafia. I dettagli nell'articolo di Sandra Figliuolo sul Giornale di Sicilia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati