Omicidio Ingarao: ergastolo ai Lo Piccolo e altri tre

Il boss fu ucciso a Palermo il 13 giugno 2007. La prima sezione della Corte d'Assise ha condannato anche Francesco Di Piazza, Andrea Adamo e Vito Palazzolo

PALERMO. Cinque ergastoli sono stati inflitti ai capimafia imputati dell'omicidio del boss Nicola Ingarao, ucciso a Palermo il 13 giugno 2007. La prima sezione della Corte d'Assise ha così accolto le richieste dei pm Francesco Del Bene e Roberta Buzzolani. Il carcere a vita è stato comminato a Salvatore e Sandro Lo Piccolo, Francesco Di Piazza, Andrea Adamo e Vito Palazzolo. Per gli ultimi tre è il primo ergastolo.    
L'omicidio di Ingarao fu deciso dai Lo Piccolo per punire la sua vicinanza con il loro nemico storico: il capomafia della cosca di Pagliarelli Antonino Rotolo.    
"Ingarao doveva essere ucciso perché era uomo di Rotolo e come era emerso dalle intercettazioni si era espresso in modo pesante nei confronti dei Lo Piccolo. Andrea Bonaccorso era alla guida della moto mentre io sparavo. Avevo una pistola a tamburo calibro 38 con sei colpi in canna e una calibro 9", ha raccontato il pentito Gaspare Pulizzi che è stato condannato, con il rito abbreviato, assieme all'altro collaboratore Bonaccorso alla pena di 10 anni e 6 mesi, confermata anche in appello. 
Pulizzi e Bonaccorso avevano seguito in moto Ingarao mentre usciva dal commissariato dove si recava per l'obbligo di firma e poi gli hanno sparato. I due sono poi fuggiti a casa di Paolo Di Piazza, dove sono stati distrutti i guanti e dei caschi usati durante l'agguato e occultate le armi. Gli stessi pentiti hanno svelato il ruolo di copertura fornito al commando da Andrea Adamo e Vito Palazzolo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati