Libia, allerta terrorismo: Italia rafforza le difese

Dopo la circolare del capo della polizia, Antonio Manganelli, i prefetti hanno infatti messo in atto sul territorio le misure per adeguare il livello di protezione degli obiettivi sensibili. Mobilitati gli 007, fino ad ora "nessuna minaccia"

ROMA. Mentre in Libia prosegue l'intervento militare contro il regime di Gheddafi, si è ormai completato in Italia il dispositivo che innalza la vigilanza contro il rischio di attentati. Dopo la circolare del capo della polizia, Antonio Manganelli, i prefetti hanno infatti messo in atto sul territorio le misure per adeguare il livello di protezione degli obiettivi sensibili. Al Viminale il 'Casa' (Comitato di analisi strategica antiterrorismo), formato da forze di polizia ed intelligence, è riunito in seduta permanente per analizzare le minacce. Per ora non ci sarebbero segnalazioni attendibili di azioni contro l'Italia, ma lo scambio di informazioni con i servizi segreti stranieri si è intensificato. E domani il direttore del Dis, Gianni De Gennaro, riferirà al Copasir sulla situazione.   


La probabile crescita della minaccia terroristica dalla Libia é stata segnalata da diverse fonti. Ne ha parlato esplicitamente oggi il Cremlino, mentre in Francia - la nazione più nel mirino - è stata evacuata la torre Eiffel per un pacco sospetto. Due i fronti da tenere d'occhio, secondo quanto spiegato dal sottosegretario all'Interno, Alfredo Mantovano: "c'é una notevole preoccupazione - ha riferito - derivante sia dalla presenza in Libia di soggetti del nuovo terrorismo di area salafita e di al Qaida, sia per le possibili reazioni che un vecchio terrorista come Gheddafi può scatenare, avendo già una remota ma terribile esperienza su questa materia". Sorvegliati speciali, dunque, i circoli libici sostenitori del Rais presenti in Italia. Senza dimenticare che Mohammed Game, l'uomo che fece esplodere un ordigno in una caserma di Milano nell'ottobre del 2009, era libico. Occhi aperti anche sui circuiti fondamentalisti islamici, che potrebbero raccogliere l'appello di Gheddafi contro i "crociati".    Controlli potenziati poi sui flussi di migranti in arrivo dalla Tunisia, tra i quali - è l'allarme del ministro dell'Interno, Roberto Maroni - potrebbero nascondersi terroristi infiltrati. C'é poi l'incognita di una possibile ripresa di sbarchi dalla Libia, che potrebbe accrescere il rischio.   


Naturalmente è Roma, la città dove l'attenzione è maggiore, con oltre mille siti sensibili presidiati dalle forze dell'ordine tra ambasciate (in particolare quelle della Francia e degli altri Paesi della coalizione che è intervenuta in Libia), aeroporti e stazioni. Sorvegliate speciali anche le basi militari, come il comando navale della Nato per il Mediterraneo a Napoli e la base americana di Aviano (Pordenone), da cui si susseguono decolli di caccia per operazioni nel Paese nordafricano. Il prefetto di Pordenone ha chiesto di potenziare la sorveglianza attorno alla base, aumentando i pattugliamenti lungo le strade della zona.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati