Mafia, morto Milano: estradato scese dall'aereo col gatto

Negli anni Novanta sfuggì ad un agguato a colpi di arma di grosso calibro. E' deceduto a causa di un male incurabile

CANICATTI'. Mario Milano, 50 anni di Canicattì, sfuggito negli anni '90 in piena guerra di mafia ad un agguato a colpi di arma di grosso calibro, e' morto  questa mattina a causa di un male incurabile. Milano, con precedenti penali per rapina e droga, era stato estradato dal Canada da dove era stato espulso perché ritenuto rappresentante locale delle famiglie mafiose agrigentine.    
Fece notizia all'epoca dell'estradizione il suo arrivo all'aeroporto di Fiumicino: consegnò il suo gatto Milù, portato dal Nordamerica, al dirigente del commissariato di Canicattì, Vito Cunzolo, affinché lo accudisse. Milano dopo avere scontato alcuni anni di carcere per dei residui di pena per vari reati condusse una vita tranquilla.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati