Pistorio: "Per il nuovo movimento ci vorrebbe uno come Saviano"

Il braccio destro romano di Lombardo traccia l'idenkit del leader: "Dovremmo coinvolgere una figura sganciata dal propotipo meridionalista, che a volta può diventare uno stereotipo". Tentativi anche per Andrea Camilleri

PALERMO. L’appuntamento è fissato per domani alle 10,30 all’Albergo delle Povere a Palermo. Lì Lombardo scioglierà l’Mpa e aprirà la fase costituente del nuovo partito «che si concluderà entro fine aprile». Il presidente sta provando a coinvolgere nel suo progetto alcuni intellettuali siciliani. Uno potrebbe essere Giuseppe «Uccio» Barone, ordinario di storia contemporanea presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Catania, della quale è anche preside.


Un altro potrebbe essere il filosofo Pietro Barcellona. Entrambi provengono dalla sinistra. Contatti che il presidente sta curando personalmente: «Mi piacerebbe che al vertice del nuovo partito non ci fosse un politico» ripete da giorni. Lombardo aveva provato a sollecitare Andrea Camilleri. Ieri il suo braccio destro romano, Giovanni Pistorio, ha detto che a lui piacerebbe coinvolgere Roberto Saviano: «Secondo me Lombardo dovrebbe coinvolgere una figura sganciata dal prototipo meridionalista, che a volte può diventare uno stereotipo. Serve uno che metta i piedi nel piatto: penso a qualcuno come Saviano. Se potessi cercherei di coinvolgere anche il professore Gianfranco Viesti». Ma per Lombardo «Pistorio ha espresso un suo desiderio, come poteva esserlo Camilleri».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati