Palermo, fondi Cipe per Amia bloccati Il sindaco: "Consiglio irresponsabile"

Cammarata: "Così si manda in fumo il processo di risanamento dell'azienda che stiamo portando avanti da mesi"

PALERMO. Il consiglio comunale di Palermo non ha approvato una delibera riguardante la convenzione con Amia (Azienda municipalizzata igiene ambientale) per l'utilizzo dei fondi Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica).    
Lo riferisce in una nota il sindaco, Diego, che afferma: "L'atteggiamento di questo Consiglio comunale è sempre più irresponsabile e strumentale, evidentemente finalizzato a creare continui ostacoli all'attività dell'amministrazione, mettendo in second'ordine il danno che si procura alla città e ai cittadini. La mancata approvazione della delibera è gravissima perché blocca, di fatto, il processo di risanamento dell'azienda, che stiamo portando avanti con impegno ormai da mesi".    
"E' frutto di ignoranza o di malafede - prosegue - dei consiglieri comunali  dell'opposizione. Non c'é mai stato infatti nel provvedimento inviato - spiega il sindaco - alcun errore da parte della ragioneria generale, che ha soltanto richiamato un parere precedentemente prodotto, limitando gli effetti ai profili pertinenti l'atto in questione". Il vicepresidente vicario del consiglio comunale Salvo Alotta (Pd) ha replicato: "Invece di passare il suo tempo a insultare il consiglio comunale, il sindaco Cammarata farebbe bene a riflettere sul fatto che le emergenze si affrontano solo con una leale e rispettosa collaborazione istituzionale”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati