Agrodolce, coro di proteste per lo stop

La delusione dei fans: "Attori e personale rimasti senza lavoro". Solidarietà anche dall'America

PALERMO. «Ancora una volta una sospensione delle riprese di Agrodolce. Che stupidi a lasciarsi scappare dalle mani un progetto così e dei professionisti di grande serietà».  È questo il messaggio di Giusy Florò pubblicato su Facebook.sono tanti i commenti nella piazza di internet per eccellenza dopo il presidio alla Prefettura di Palermo delle maestranze della fiction ambientata in Sicilia. I lavoratori della fiction in assemblea permanente da venerdì notte hanno chiesto l'intervento del prefetto per l'apertura di un tavolo di confronto affinchè «venga sgomberata ogni possibilità di fallimento di un progetto così importante», dice il rappresentante della Slc Cgil Maurizio Rosso.  Una decisione maturata dopo l'ennesimo stop alle riprese della soap. Anche sul sito del Giornale di Sicilia (www.gds.it) la notizia è tra le più cliccate. «Sarebbe necessario dare più visibilità alla questione. Informare che la situazione è complicata, che tutti i lavoratori sono in assemblea permanente. Chi segue Agrodolce, chi ama Agrodolce deve sapere quello che sta succedendo, anche solo per mostrare solidarietà a tutti i lavoratori interessati», scrive Elena Medica su Facebook. «Come tutto in Sicilia, anche Agrodolce è diventato un fatto politico», commenta invece Roberto su Facebook. C'è chi pensa, invece, al danno economico per tutto il mondo che gira attorno alla soap di Rai 3. «Invito tutti a riflettere su cosa succede quando vengono bloccati i finanziamenti. Tante persone oltre agli artisti rimangono senza lavoro e pensate a tutte le famiglie che vivono di questo lavoro», scrive su Facebook Antonella D'Aquino. Intanto in alcuni gruppi sul social network si cerca di fare chiarezza su quando ricomincerà la soap, ma regna ancora l'incertezza. E c'è chi, anche da oltreoceano, si chiede quando verranno trasmesse le nuove puntate della fiction ambientata in Sicilia. «Ma insomma, Agrodolce inizia, o no? Noi qui in America aspettiamo con ansia», scrive Giuseppina Spatola.   

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati