Catania, salpata la nave con gli aiuti per la Libia

Il pattugliatore della Marina militare "Libra" ovrebbe raggiungere lunedì il porto di Bengasi con il suo carico: 4 mila coperte, 5 tonnellate di riso, 5 di latte, tende familiari, potabilizzatori, 40 kit medici, 4 generatori elettrici e due taniche d’acqua da 3 mila 500 e 7 mila 500 litri

CATANIA. Ha mollato gli ormeggi poco prima delle 18 la “Libra”, il pattugliatore della Marina militare che da Catania è diretto a Bengasi. Il nostro Paese è impegnato in una nuova missione umanitaria, stavolta nella Libia devastata dalla guerra civile. La nave, costretta a fare i conti con il mare grosso di queste ore, dovrebbe raggiungere lunedì il porto della Cirenaica con il suo carico: 4 mila coperte, 5 tonnellate di riso, 5 di latte, tende familiari, potabilizzatori, 40 kit medici, 4 generatori elettrici e due taniche d’acqua da 3 mila 500 e 7 mila 500 litri. La “Libra” non stazionerà a Bengasi, se non per un giorno o poco più. Quindi, il ritorno al porto di Augusta, sede del Comando di Marisicilia.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati