Arrestato un latitante di Messina: avrebbe ucciso la moglie

A finire in manette Antonio La Malfa, di 73 anni, su cui pendeva un mandato di cattura internazionale. E' stato fermato dalla polizia di Como con l'accusa di uxoricidio. Si pensa abbia sgozzato la coniuge nell'ottobre del 2009 a Mulhouse, in Francia

COMO. La polizia di Como ha arrestato un atitante siciliano, Antonio La Malfa, 73 anni, di Messina, accusato di avere ucciso, nell'ottobre del 2009 a Mulhouse, in Francia, la moglie italiana di 70 anni, sgozzandola.
Le indagini si erano concentrate nella città lariana perché, pochi giorni dopo il delitto, l'uomo era stato controllato alla stazione ferroviaria di Como.
Un controllo di routine, del quale ci si è ricordati mesi più tardi, quando nei confronti di La Malfa era stato emesso dall'Interpol un mandato di cattura internazionale.
Da allora la polizia sospettava che l'uomo si fosse stabilito a Como, ma le ricerche non avevano dato alcun esito.
La svolta nei giorni scorsi, quando alcuni movimenti bancari avevano confermato la sua presenza: Antonio La Malfa è stato rintracciato nella sua abitazione di Como ed è stato arrestato. Si era fatto crescere barba e capelli per non farsi riconoscere.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati