Formazione, lavoratori sul tetto dell'assessorato

Centorrino: lavoriamo per stabilire regole certe. Se attraverso queste proteste qualcuno pensa di ritardare o bloccare questo processo, questo non avverrà

PALERMO. Una ventina di lavoratori di enti di formazione professionale sono saliti sul tetto dell'assessorato regionale, in via Ausonia. Davanti ci sono 300 persone che manifestano da stamattina. Polizia e carabinieri stanno tenendo la situazione sotto controllo. I manifestanti chiedono alla Regione di accreditare i fondi agli enti per il pagamento degli stipendi del 2010 e certezze per il 2011. Alcuni enti, come il Cefop, devono pagare ancora gli stipendi di novembre e dicembre del 2009.
Alcuni lavoratori che stamane hanno occupato l'assessorato, avrebbero aggredito verbalmente l'assessore Mario Centorrino che stava arrivando in auto. Intanto, un gruppo di manifestanti sarà ricevuto più tardi a palazzo d'Orleans dal presidente della Regione Raffaele Lombardo. "L'aggressione della quale sono rimasto vittima - dice Centorrino - è testimonianza, da un lato, di uno stato di insofferenza dei lavoratori del settore della formazione, condivisibile e rispettabile, ma altresì di un terribile equivoco che ha 'drogato' questo comparto: l'aspettativa, cioé, di ricevere uno stipendio da parte della Regione senza soluzione di continuità, e non da parte degli enti di formazione secondo la tempistica della presentazione dei progetti, della loro approvazione, e del loro finanziamento". "E' per dissipare l'equivoco - aggiunge Centorrino - e stabilire regole di certezza (che in molti casi si prestavano a interpretazioni discrezionali), che stiamo lavorando. Se attraverso queste proteste qualcuno pensa di ritardare o bloccare questo processo, sappia che questo non avverrà".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati