A giudizio fiancheggiatori di Matteo Messina Denaro

PALERMO. Il gup di Palermo, Lorenzo Matassa, ha rinviato a giudizio 14 presunti fiancheggiatori del boss mafioso latitante Matteo Messina Denaro, accusati, a vario titolo, nell'ambito del procedimento "Golem 2", di associazione mafiosa, estorsioni, danneggiamenti e intestazione fittizia di beni. Ad un indagato è stata accolta la richiesta di essere giudicato con il patteggiamento. A quattro il gup ha concesso il rito abbreviato e tra questi figura anche il fratello del boss, Salvatore Messina Denaro.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati