Pozzallo, 33 immigrati fuggiti dal centro di accoglienza

Le forze dell’ordine hanno rintracciato quattro minorenni, ma continuano le ricerche degli altri 29 con l’aiuto degli elicotteri

POZZALLO. Trentatré immigrati tunisini ed egiziani, tra cui una decina di minorenni, sono fuggiti dal centro d'accoglienza di Pozzallo (Ragusa). Il gruppo ha scavalcato la recinzione del cortile e si è disperso per le campagne.  Le forze dell'ordine hanno rintracciato quattro minorenni e li hanno riportati nella struttura. Le ricerche degli altri 29 stanno proseguendo anche con l'ausilio di elicotteri. I fuggitivi sono immigrati condotti da Lampedusa al porto di Pozzallo, e persone sbarcate la scorsa settimana dal motopeschereccio abbordato dalla Gdf a Capo Scalambri, dopo un inseguimento con spari che aveva provocato il ferimento, in maniera lieve, di un egiziano che si trovava sull'imbarcazione. Al centro di prima accoglienza del porto di Pozzallo restano al momento ospitati 130 migranti. Otto minorenni sono stati condotti stamani nelle strutture attrezzate di Reggio Calabria.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più cliccati